Get Adobe Flash player
Indice
Il Personaggio
Il Personaggio
Biografia Rapida
Tutte le pagine

 

E un giorno io saprò, d’essere un piccolo pensiero, nella più grande immensità…' Certamente queste cose, dette in momenti in cui era di moda essere ermetici e usare termini difficili - che colpivano e attiravano l'attenzione del pubblico con lo stupore e il non senso - venivano percepite a fondo da pochi, perché troppo chiare e riflessive. Le mode spesso tappano gli occhi>> . L'italica maniera di concepire la melodia, mai ispirata a mode anglosassoni o francesi, ha conferito - a questa - una freschezza difficilmente riscontrabile, che - nel genere - ne fa un caposcuola: <<L'ultima canzone composta per il Clan, 'Poesia', è una delle canzoni più belle della musica leggera italiana... In qualche modo si può considerare un piccolo manifesto artistico di Don Backy, che ha come regola principale la semplicità e, nello stesso tempo, un candore espressivo che si può accomunare allo spirito che anima i pittori naif.
Mi ha sempre colpito il fatto che questo artista cercasse di esprimersi attraverso varie frontiere: La canzone, la letteratura, il fumetto. Don Backy vi si è mosso con lo scrupolo di certi vecchi artigiani - razza ormai in via di estinzione - che sembravano avere l’inconsapevolezza della poesia, ma che riuscivano a creare piccoli incantesimi… Un altro riferimento da non sottovalutare è il ‘Poema a fumetti’ di Dino Buzzati, un’opera ancor troppo sottovalutata dalla critica fumettistica. Di quel poema, Don Backy ha ‘rubato’ soprattutto la voglia di sperimentazione e voglia di divertimento che animava Buzzati.>> (Vincenzo Mollica) Di quest’avviso, è anche lo scrittore Alberto Bevilacqua: <<...Mi ricorda il Buzzati, che da raffinato, sapeva cambiarsi in naif… Le canzoni di Don Backy sono fini, risentono degli umili cantori delle antiche corti, delle romanze, delle melodie degli erratici: Stimmate che troviamo anche nel viso dell'autore, perfettamente intonato alle sue melodie, aguzzo e trasognato, da bardo, da stradaiolo… E’ il segno di una fantasia.
Non é poco in un mondo dove corre per lo più, il vuoto delle ugole.>> Dal Clan uscì nel 1967, mosso, e da motivi d'ordine amministrativo - assolutamente lontani dallo spirito che aveva animato gli inizi della loro grande avventura - e da un incoercibile bisogno di una propria autonomia artistica, avvertita in modo così personale da non potersi dividere con nessuno. <<...Tanta frenetica attività, rivela l'incontenibile folletto dell'invenzione che gli urge dentro, per cui, dopo un po', qualunque vestito é stretto, qualunque schema é insopportabile...>> (G.Minà) Proprio per questo, cercò altre espressioni artistiche e nuove emozioni da vivere e da far vivere, in un ricco ventaglio di creazioni, che spaziano dal cinema, al teatro, alla pittura, alla composizione letteraria, alla grafica, sui quali - espresso per il suo fumetto l'Inferno - è significativo un altro giudizio di Alberto Bevilacqua: <<(…) …La fantasia ama – a volte – tradursi in tratti somatici, e io lo so bene, essendo nato lungo un fiume come il Po, dove i cantastorie portavano – appunto - in faccia la fantasia che cantavano e descrivevano.
Don Backy ha la faccia di quei cantastorie: La fantasia vi trova i suoi spigoli dietro cui scantonare nel mistero, i suoi slarghi musicali improvvisi. 'Si porta l'anima sotto gli occhi', dicono dalle mie parti. Lo dicevano – attenzione – anche dell'Ariosto e delle sue figure, nonché del Parmigianino e delle sue pitture (…) …Don Backy continua a cavalcare l'Ippogrifo, e se prima di questa cavalcata, si udiva la voce cantante, ora si ascoltano le visioni. Perché anche le visioni messe su pagina, hanno il loro cantare: E come!>> Negli anni a venire la sua produzione in canzoni – sempre fresca, di qualità e mai ripetitiva – annovera titoli quali: 'Sognando', 'l'Artista', 'Fantasia', e altri meno conosciuti ma assolutamente significativi della sua maturazione, soprattutto poetica. A questo proposito - tra le circa 400 canzoni composte a tutt'oggi - è importante segnalare qualche titolo esplicativo: 'Il pianeta del sole', 'Viaggio', 'Rock and roll', 'Ali', 'Vado', 'Madre', 'L'Amore è forte', 'Bella la vita mia', 'Grande musica', 'Sarebbe bello', 'Sardegna', 'Regina', 'Ragazza di notte', 'Sulla Strada', 'Terra', 'Vi lascero', 'Verità', onde rendersi conto del vasto fronte concettuale che lo interessa. Non essendo stati presi in considerazione dalla grande discografia, che ha fatto cadere le sue scelte più sul carattere, che sulle capacità dell'artista, e quindi - di conseguenza – dai grandi media, i quali - ignorandone le potenzialità - ne hanno tarpato l'inserimento nel grande mercato commerciale. Argutamente lo nota ancora una volta il discografico Mario Ragni: <<…Questo artista, spesso giudicato difficile, proprio nel contatto con il grande pubblico, ha dimostrato le proprie qualità. Qualità che solo Don Backy ha posseduto>>.

 



Mailing list



Informativa privacy

Accetto inform. privacy

Ricevi HTML?

VirtueMart
il carrello è vuoto

AREA ACQUISTI


Tutti i prodotti

isabel

teomedio commedia musicale

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito web www.donbacky.it utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies. Normativa Cookie.

Accetto la normativa sui cookie.

Normativa Privacy